(Rinnovabili.it) – Gli investimenti nelle rinnovabili saranno anche lontani dai fasti raggiunti nel 2015, ma la nuova capacità delle green energy continua a segnare veri e propri record. La conferma arriva da Renewable Energy Capacity Statistics 2017, report redatto dall’Agenzia IRENA che incorona il 2016 come l’anno “più forte di sempre” in termini di potenza istallata.

Il documento stima che, a fine 2016, la capacità mondiale delle energie rinnovabili abbia toccato quota 2.006 GW, grazie ad un aumento annuale di ben 161 GW. Si tratta di una crescita di quasi il 9 per cento rispetto all’anno precedente. “Stiamo assistendo a una trasformazione energetica che sta prendendo piede in tutto il mondo, e questo si riflette in un altro anno di aggiunte record”, spiega il direttore generale di IRENA Adnan Z. Amin.

Il contributo maggiore arriva dal settore fotovoltaico: da solo è responsabile di ben 71 GW dei 161 installati. Un dato che significa essenzialmente due cose: l’energia solare sta rapidamente abbassando i prezzi in tutto il mondo e gli impianti fotovoltaici hanno finalmente superato, in termini di crescita, quelli eolici. Quasi metà di tutta la nuova capacità solare è stata installata in Cina (34 GW), che insieme alle performance di Giappone (8 GW) e India (4 GW) regala all’Asia un nuovo primato. Buoni anche i dati USA (più 11 GW) mentre l’Europa con solo nuovi 5 GW – merito per lo più di Germania e Regno Unito – dimostra d’essere un mercato più stanco.

L’eolico è aumentato globalmente di 51 GW. Quasi tre quarti della nuova capacità appartengono a quattro paesi: Cina (19 GW), Stati Uniti  (9 GW), Germania (5 GW) e India (4 GW). Nella gara dei big è entrato anche Brasile che lo scorso anno ha messo a dimora altri 2 GW.

Brasile e Cina ovviamente dominano anche lo sviluppo idroelettrico. Nel 2016, circa la metà della nuova capacità, ossia dei 30 GW istallati, è andata a questi due Paesi seguiti da Canada, Ecuador, Etiopia e India.

La capacità dell’energia geotermica è aumentata invece di appena 780 MW nel 2016, con forti espansioni in Kenya (485 MW), Turchia (150 MW), Indonesia (95 MW) e in Italia (55 MW).

“Questa crescita nella distribuzione sottolinea un business case sempre più forte per le energie rinnovabili che hanno anche molteplici benefici socio-economici dal punto di vista della capacità di creare nuovi posti di lavoro e migliorare il benessere dell’uomo e l’ambiente – ha aggiunto Amin. – Ma accelerare questo slancio richiederà ulteriori investimenti. Questi nuovi dati costituiscono un segnale incoraggiante: anche se c’è ancora molto da fare, siamo sulla strada giusta”.